· 

L'Italia Unita... nel degrado

Dalle foto si potrebbe tranquillamente desumere di essere in Calabria, in Campania, in Puglia o in Sicilia; sicuramente in un tratto di costa del sud Italia, dov’è l’abusivismo e la speculazione edilizia non fanno più notizia ormai da secoli.

Ma purtroppo non è così, le foto in questione sono state scattate in una delle piccole calette che si possono trovare lungo costa ligure di Levante nei pressi di Lerici; in una delle zone sicuramente più rinomate e caratteristiche della Liguria che annovera tra le cittadine costiere perle come Porto Venere o le Cinque Terre, oltre ovviamente alla suddetta Lerici.

Come e perché si sia permesso di costruire tali manufatti, più o meno abominevoli, praticamente sul mare è una domanda alla quale probabilmente esiste una sola risposta, ed è sempre la stessa.

Cosi come la reazione di fatto è sempre la stessa.

Clientelismo e menefreghismo, le basi della nostra italica cultura; e probabilmente della nostra costituzione, altro che paese basato sul lavoro.

Una "lungimiranza" politica questa che, nei decenni, ha svenduto oltretutto la parte maggioritaria delle nostre spiagge offrendola In concessione agli stabilimenti balneari, in una quota percentuale che in regioni come la liguria arriva a dati spaventosi; si calcola infatti che il 90% delle spiagge della regione siano state date in concessione e che solo il 10% resti libero...

 

Poco importa se tali stabilimenti balneari risultano quasi vuoti, come in questa calda domenica di meta giugno, e la spiaggia libera decisamente sovraffollata di persone molte delle quali costrette ad andarsene perchè non trovano posto

Così come non ha importanza sapere se le costruzioni che ammorbano questo meraviglioso tratto di costa siano abusive o legali, di fatto sono lì e nessuno le ha mai tirate giù quindi la differenza di fatto non sussiste; un abusivismo illegale tollerato ha lo stesso impatto ambientale di un abusivismo legale. Al nord come al sud.

La differenza probabilmente deriva solo da un fatto, l'aprire gli occhi solo quando si vuole, per coltivare l'inutile illusione che solo al sud certe cose accadono.....

SPIAGGIA PRIVATA O IN CONCESSIONE?
SPIAGGIA PRIVATA O IN CONCESSIONE?

Esattamente dodici mesi prima, subito al di la della frontiera di Ventimiglia la situazione era invece questa; buone riflessioni:

 

https://www.aliperviaggiare.it/2018/06/17/italia-francia/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Seguici anche tu!



Privacy e Cookie

Privacy Policy
Cookie Policy