A caccia di Emozioni - 14 passi Alpini in un giorno; per non perdere l'abitudine


L’itinerario non nasce come sfida, nasce semplicemente dall’esigenza di tornare ad esplorare i passi Alpini nell’intento di divertirsi sia nella guida che nell’osservazione delle meraviglie che la corona montana che separa l’Italia dal resto dell’Europa è in grado di regalare. 

Un viaggio che inizia con una pianificazione a tavolino assolutamente inconsueta per quanto mi riguarda; solitamente infatti preparo gli itinerari solo a livello generale per poi andare ad improvvisare una volta in viaggio. 

Ma stavolta è diverso, la mia intenzione infatti è quella di superare più passi possibili, per poter, in una sola giornata, apprezzare una varietà paesaggistica decisamente emozionante; perché è da tempo che non tornavo su queste strade e passerà ancora tempo prima che ci possa tornare, dato che sono ancora mille le mete ancora da raggiungere per la prima volta. 

Nella pianificazione arrivo addirittura a stabilire, oltre alla data di partenza, gli orari di tappa; anche se tutto questo non servirà a ottimizzare al meglio il Viaggio ma ad uno scopo ben diverso che si renderà evidente solo ad un certo punto del viaggio… 

Sono le ore 06.00 del mattino quando Maia inizia a borbottare impaziente fuori dal garage. 

 

Il resto è solo ed esclusivamente infinita magia che si protrarrà per 14 ore e mezzo attraverso 13 passi, per un totale di 750 km percorsi. 

 


ore 08.00     PASSO CROCEDOMINI 1892 mt 

E' ancora presto quando supero il passo Crocedomini; il silenzio e la tranquillità dominano i rilievi intorno ai quali si snoda lo sterrato che porta verso il Maniva.

Il mio è l'unico mezzo che incrocia queste strade; mi godo rapito il panorama mentre Maia supera agile il tratto sterrato per poi tornare a scorrere sull'asfalto che risale fino al Dosso dei Galli

ore 08.15        DOSSO DEI GALLI   2196 mt 

ore 08.20        PASSO DASDANA    2086 mt 

ore 08.25        PASSO RAVENOLA  2072 mt 


ore 08.30          GIOGO DEL MANIVA 1664 mt 

Una veloce colazione nei pressi del Giogo di Maniva rifocilla le membra affamate dopo la antelucana partenza; riguadagnata la valle scivolo veloce verso Madonna di Campiglio ed il passo Carlo Magno; adesso il traffico comincia a farsi più intenso così come la presenza turistica 

ore 10.15        PASSO CAMPO CARLO MAGNO 1702 mt 


ore 11.00        PASSO DEL TONALE 1883 mt 

ore 11.30        PASSO DEL GAVIA 2652 mt 

ore 12.30        PASSO DELLO STELVIO 2757 mt 

ore 12.40        UMBRAILPASS 2503 mt 

ore 13.10     PASS DAL FUORN  2149 mt 

A questo punto tutto diventa chiaro... la tabella di marcia serviva solo a questo a permettermi ancora una volta di improvvisare!!

Una volta raggiunta Zernez infatti avrei dovuto dirigermi verso il Bernina ma dato che sono nettamente in anticipo aggiungo al volo una "veloce" deviazione verso il Fulelapass e a seguire il Julierpass; tutto sommato in una oretta dovrei riuscire a farcela e comunque di margine prima che sopraggiungano le tenebre ne ho.

Siamo ad inzio luglio e le giornate sono ancora molto lunghe.


ore 14.10        FLUELAPASS 2383 mt 


ore 15.42        JULIERPASS 2383 mt 

ore 16.30       PASSO DEL BERNINA 2328 mt 

 

Et voilà, 759 km e 14 ore dopo.... 14 passi alpini!!!

 

Unico rammarico di una giornata favolosa?

Non aver fatto anche il Passo san marco invece di spararmi tutta la Valtellina e la statale di Lecco; ma sarà per la prossima volta.

Multistrada a cui non servono, dopo 102.000 km particolari ed ulteriori elogi, basti dire che arrivo a casa con la voglia di ripartire piuttosto che di andare a sdraiarmi. 

Ma è per questo che fatico a separarmene ormai da 11 anni!!!

 

 


Seguici anche tu!

Google+