· 

Strade Biellesi: Rosazza/Oropa/Graglia

Le sorprese e le attrattive di una zona come quella Biellese poco conosciuta dal punto di vista turistico (e moto turistico), ma in grado di regalare notevoli soddisfazioni a chi è in cerca di qualcosa di nuovo e di diverso da mettere in carniere.

Ed è così che, dopo aver affrontato la classica Panoramica Zegna, probabilmente il tracciato più conosciuto di questa zona, ci dedichiamo all'esplorazione delle strade circostanti, naturale continuazione del percorso montano voluto e costruito dall'imprenditore Tessile Biellese.

Scoprendo percorsi affascinanti e davvero imprevisti!!!

E come sempre:

Mappa dell'itinerario alla fine della pagina

Lo Stelvio Biellese


san Giovanni d'Andorno


Il Santuario di Oropa

La fondazione di questo maestoso santuario, il più grande delle alpi, si fa risalire al IV secolo, ad opera di S. Eusebio, primo vescovo di Vercelli.

I primi documenti scritti che ne certificano l’esistenza risalgono invece all’inizio del XIII secolo, citando le primitive Chiese di Santa Maria e di San Bartolomeo, che all’epoca costituivano un punto di riferimento fondamentale per chi transitava alla volta della vicina Valle d’Aosta.

E’ stato più volte rimaneggiato ed ampliato nei secoli fino a divenire un luogo di destinazione invece che di transito per i pellegrini più devoti.

 



Oggi parte della primitiva suggestione risulta probabilmente ridotta, a causa della tante botteghe e ristoranti presenti che tradiscono in parte la vera anima del luogo; Così come risulta troppo invasiva e fuori contesto, la presenza della Basilica Superiore costruita a partire dalla fine del XIX sec.  per fare fronte alla crescente presenza di fedeli.


Da Oropa a Graglia


Il Santuario di Graglia


Scrivi commento

Commenti: 0

Seguici anche tu!



Privacy e Cookie

Privacy Policy
Cookie Policy