Colle del Sommeiller 2993 mt

Quello del 2019 è l'anno delle "spunte" in cima alla lista delle cose da fare; dopo il Nivolet tocca infatti al Colle del Sommeiller essere conquistato; una meta da tempo tra i miei desideri più importanti ma solo da quest'anno davvero possibile.

E' da marzo infatti che, con  la sostituzione della blasonata ma vetusta multistrada 1100 con la più eclettica KTM 1190 Adv , si sono aperti nuovo orizzonti al nostro vagabondaggio Moto-Egoturistico; ciò che prima era quasi impossibile adesso diventa più che fattibile, diventa obbligatorio!!! 

E la prima meta nel mirino di Athena è proprio questa!


Alba di una tiepida domenica di metà ottobre, il meteo sembra essere dalla nostra parte e, tranne qualche innocua velatura, il sole dovrebbe riscaldare il nostro nuovo viaggio nelle terre del Piemonte.

Ci accompagna un alba benaugurante che si apre radiosa alle nostre spalle, anche se le temperature mattutine risultano ben al disotto della soglia dei 10° con un minimo di 5° rilevati nella deserta e a tratti spettrale cittadina di Bardonecchia. 

Ed è da qui che inizia la parte rilevante della giornata; il tempo di riempire il serbatoio ed è tempo di imboccare la stretta strada asfaltata che conduce verso Rochemolles e che percorriamo in perfetta solitudine; al momento non sembra esserci nessun altro interessato a raggiungere il Colle del Sommeiller.

Abbandonato l'asfalto iniziamo ad arrampicarci verso il rifugio Scarfiotti, punto di partenza della vera salita al Sommeiller, la strada sterrata si mantiene facile e solo in pochi tratti in ombra risulta viscida per il fango. 

E' il fango l'unica preoccupazione reale che mi porto dietro; Athena monta gomme stradali, sarebbe molto difficile se non impossibile, farla salire su tratti ripidi e fangosi; spero quindi di non trovarne...

Scopri il resto sui video, Buona visione 


Scrivi commento

Commenti: 0

Seguici anche tu!



Privacy e Cookie

Privacy Policy
Cookie Policy