· 

I Castelli della Loira - 03

La sensazione latente che ci aveva accompagnato nella giornata di ieri e che nella serata si è poi decisamente concretizzata, ci spinge in questo precoce mattino  allo smontaggio della tenda ed alla ripresa del nostro viaggio verso Nord, i Castelli della Loira per quanto meravigliosi alla lunga sono diventati noiosi, troppo simili nella loro architettura e negli arredi hanno progressivamente spento i nostri entusiasmi; in deciso anticipo sulla tabella di marcia abbandoniamo il campeggio sotto un cielo intensamente azzurro per dirigersi verso le coste francesi bagnate dal freddo oceano.

Prima però ci concederemo la visita ad un ultimo castello, quello edificato all'interno della cittadina dall'omonimo nome, il Castello di Blois.



Raggiunta velocemente la cittadina parcheggiamo la nostra auto in un parcheggio situato sulla riva della Loira opposta al centro cittadino, una breve passeggiata è sicuramente preferibile alla difficoltà di trovare posto in zone più vicine al castello, passeggiata che inoltre ci consente di osservare la cittadina in un contesto panoramico decisamente suggestivo.

Di sfuggita notiamo come l'asfalto del parcheggio sia ricoperto di una strana polvere di anomalo aspetto che si ritrova in larga parte anche sul marciapiede che ci conduce al ponte, ma rapiti dal profilo cittadino che si scaglia contro il cielo azzurro dall'altra parte del placido fiume non prestiamo molta attenzione alla cosa, non adesso..................


Blois


Superato il ponte percorriamo le tranquille vie cittadine seguendo le indicazioni per il castello, poche persone animano la cittadina e pochissime di esse sono da identificare come turisti, ci aspetta sicuramente un'altra piacevole e tranquilla escursione.


Risalita la scalinata verso la collina che ospita il castello raggiungiamo prospiciente la piazza, intenti ad osservare il castello di fronte a noi non notiamo la strana casa dislocata dalla parte opposta della piazza, non la notiamo fino a quando qualcosa di assolutamente anomalo ed inaspettato ci costringe velocemente a voltarci, dalle finestre prima chiuse si adesso si affacciano inaspettatamente alcuni furenti e giganteschi Draghi!!!!

La casa della Magia con il suo terribile Drago a 6 teste ci ha dato il benvenuto in città!!! 

La Casa della magia

Tornata la calma in seguito al rientro del drago all'interno della magica abitazione, proseguiamo la nostra visita dirigendosi verso il Castello, simbolo principale della cittadina rappresenta probabilmente uno dei castelli più importanti tra quelli costruiti lungo la Loira e costituiscono lo straordinario contesto Patrimonio dell'Umanità, grazie alla sua architettura progressivamente ampliata durante i secoli evidenzia stili architettonici che percorrono la storia ad iniziare dal medioevo fino al XVII sec.

Château de Blois


Decidiamo dopo un breve consulto di non procedere con la visita interna del castello, sicuramente importante il suo contenuto, ancor più importante a nostro giudizio procedere sull'itinerario previsto e raggiungere in serata la costa oceanica avvicinandosi il più possibile alla nostra prossima importante meta: Mont St. Michel.

Osserviamo quindi il castello solo nella sua architettura esterna prima di tornare sui nostri passi e procedere alla esplorazione del resto della città puntando decisi verso la cattedrale situata in una vicina altura dominante il resto dell'agglomerato urbano, la tranquillità intanto continua a caratterizzare il contesto cittadino avvolto in questa tiepida giornata estiva.


Suggestiva la visita interna a questa antica cattedrale che si evolve nel corso dei secoli ad iniziare dal X sec. fino alla gotica caratterizzazione definitiva del XVII sec

Cathédrale Saint-Louis de Blois



Hotel de Ville

 

 

Subito dietro la cattedrale si estendono i giardini ai quali si accede dal Hotel de Ville (il comune), una breve visita godendo del sole che splende radioso nel cielo azzurro e della vista sulla città e sulla Loira e ridiscendiamo il pendio che porta verso il fiume ed il ponte che ci permetterà di raggiungere il nostro mezzo di locomozione.

Una volta nei pressi della macchina lanciamo una occhiata un po' meno distratta alla strana polvere che ricopre marciapiede e parte della sede stradale rendendosi infine conto che quel bianco strato è incredibilmente composto dai "corpi" inanimati di un numero infinto di farfalle notturne!!!

 

Sicuramente la bella città di Blois avrebbe meritato una visita più approfondita e l'errore fondamentale, se così si può chiamare, è stato quello di non iniziare da qui la visita ai Castelli della Loira; adesso però, non senza qualche rammarico dobbiamo procedere con il nostro viaggio, anche perché come già detto di visitare castelli ne abbiamo decisamente abbastanza.

La strada che ci porterà verso la celebre Mont St. Michel non è proprio quella più veloce e nemmeno la più breve, l'anticipo guadagnato sulla tabella di marcia con il prematuro abbandono della valle della Loira ci permette di inserire una nuova meta in tabella, stasera pernotteremo nei pressi di quella che sulla carta promette di essere una suggestiva attrattiva bagnata dalle acque dell'oceano, St Malo.

Le tappe del nostro viaggio



Mappa e GPX dell'itinerario totale

Download
Castelli della Loira e Normandia.gpx
Documento XML 3.1 MB

Scrivi commento

Commenti: 0


Motore di ricerca del sito


Seguici anche tu!



Privacy e Cookie

Privacy Policy
Cookie Policy